La sicurezza dei tuoi dati è tutto. Con TrueCrypt anche il tuo hard disk esterno è al sicuro.

Sempre di più oggi tutti utilizzano hard disk esterni per effettuare copie di backup dei propri dati. Fotografie, film, CD musicali ormai intasano i nostri PC e lo spazio dei nostri dischi fissi non riesce più a soddisfare la sete di bytes.

Ecco perché si rende necessario oggi spostare gran parte dei nostri dati in un disco fisso esterno, che oggi presentano la possibilità di memorizzare grandi quantità di dati, con un centinaio di euro è possibile acquistare dischi da addirittura 1 Tb.

Se la sicurezza dei dati nel nostro PC è garantita dalla password di Windows, la sicurezza dei nostri hard disk esterni è spesso dimenticata. Per recuperare i dati da un hard disk esterno basta semplicemente collegarlo a un qualsiasi PC e zac! Dati violati!

TrueCrypt è un applicativo open source che permette facilmente di creare un file criptato dove all’interno è possibile memorizzare tutti i dati che vogliamo, oppure è possibile procedere con la criptatura dell’interno hard disk. La criptatura (o cifratura) permette di tutelare i nostri dati attraverso l’accessibilità agli stessi solo tramite una password. Altrimenti l’accesso ai dati è praticamente impossibile.

Dopo aver scaricato dal sito http://www.truecrypt.org/downloads sarà possibile installare TrueCrypt in due diverse modalità, io vi consiglio quella portable, che permette di utilizzare TrueCrypt anche da una chiavetta USB.

Nella prima schermata di TrueCrypt, dovrò selezionare il pulsante “Create Volume” per creare il file criptato.

Nella schermata successiva si può decidere se criptare un file oppure se criptare delle intere partizioni. In questo esempio vedremo come procedere con la criptatura di un file.

Scegliere adesso l’opzione “Standard TrueCryp volume” per creare una criptatura standard.

Tramite “Select File” è possibile selezionare il percorso di posizionamento del nostro file.

Digitare adesso il nome che vogliamo assegnare al nostro file-archivio.

“Next” per andare avanti alla schermata successiva.

Nella schermata che segue è possibile scegliere l’algoritmo di criptatura del nostro file-archivio. Tutti i vari algoritmi sono eccellenti, lasciare pure quello proposto da TrueCrypt.

Adesso possiamo finalmente scegliere il dimensionamento del nostro file-archivio, da personalizzare naturalmente in base alle nostre necessità.

Finalmente adesso possiamo scegliere la password di protezione del nostro file archivio.  Ci vengono dati alcuni consigli per decidere la nostra password, ad esempio di non utilizzare nomi di persone, date di compleanno etc… D’altra parte, stiamo facendo una faticaccia per proteggere i nostri dati, una password molto semplice potrebbe vanificare tutto.

Nella schermata che segue scegliere il tipo di Filesystem che vogliamo assegnare al nostro file-archivio. Io consigliere un buon NTFS che permette il salvataggio anche di files di grandi dimensioni. Procedere con la formattazione del nostro file-archivio.

Terminata l’operazione di creazione del file-archivio, tornando alla schermata principale, possiamo selezionarlo tramite “Select File” e possiamo scegliere l’unità in cui montare il file. Digitare alla fine “Mount”.

“Montare” il file-archivio significa proprio gestirlo come una vera e propria unica del nostro PC. Quindi adesso sarà possibile da “Risorse del Computer” andare a selezionare la nuova unità e copiare all’interno dell’unità tutti i documenti che vogliamo.

Ultima ma importantissima raccomandazione! Al termine dell’utilizzo del nostro file archivio, non staccare mai l’hard disk esterno senza aver fatto prima il “Dismount” dell’unità, sempre da TrueCrypt. Uno stacco dell’hard disk esterno non corretto potrebbe compromettere l’integrità del file. A me è successo e naturalmente non ho più avuto modo di recuperare i dati.

Questa voce è stata pubblicata in Bakcup dati, Sicurezza e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La sicurezza dei tuoi dati è tutto. Con TrueCrypt anche il tuo hard disk esterno è al sicuro.

  1. Danilo scrive:

    Come faccio invece a cryptare il disco di sistema ?
    Al boot che succede dopo il criptaggio ?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *